Benvenuti in NWO Blog.

Questo blog vuole offrire informazioni sul tema del Nuovo Ordine Mondiale (o NWO: "New World Order").
I mass-media non parlano di questo genere di storie e notizie, ma sono tutte documentate e verificabili.
Il Nuovo Ordine Mondiale sta per arrivare, non permettiamogli di farlo.
Questo blog aderisce alla campagna di sensibilizzazione sul tema delle scie chimiche.

16 novembre 2009

La nascente polizia europea si allena in Italia

(clicca per ingrandire)

Dal giornale L'Arena:

Da metà settembre nella zona militare abbandonata si sono svolte in gran segreto complesse esercitazioni.

Le rovine dell’ex base missili
palestra per le polizie europee


Esercitazione internazionale con gran schieramento di forze e la gente in Val d’Alpone pensa «che ci siano i terroristi»


RONCA' (VR)

Roncà si è trasformata in Spolarni, villaggio dell’immaginaria Ambria dove, dopo una guerra civile che ha opposto le etnie degli Ambriani e degli Askalos, le forze multinazionali di pace devono riportare stabilità.

Questo è lo scenario che per un mese e mezzo ha impegnato 700 appartenenti a diverse forze di polizia europee nell’esercitazione European union police forces training, sotto la direzione dei carabinieri guidati dal generale Silvio Ghiselli.

Quartier generale è stata la caserma Chinotto di Vicenza, sede il Coespu (centro di eccellenza per le stability police units).

Le attività pratiche si sono svolte nel Vicentino, all’ex base aeronautica di Longare e all’ex base missilistica di Roncà.

Se, però, a Longare l’Unione europea ha investito per ristrutturare e riattivare palazzine e strutture, Roncà è stata scelta proprio per lo stato di abbandono (simile a uno scenario postconflitto) in cui l’ex base dell’aeronautica militare versa dalla dismissione, avvenuta nel 1995.

A Roncà sono arrivate delegazioni delle polizie e gendarmerie di Belgio, Slovenia, Francia, Repubblica Ceca, Regno Unito, Portogallo, Estonia, Malta, Repubblica Ceca, Germania, Turchia, Finlandia, Romania, Lituania, Spagna, Lettonia, Austria, Cipro, Grecia e Polonia.

Per l’Italia hanno partecipato all’esercitazione carabinieri, polizia di Stato e guardia di finanza.

Scopo dell’addestramento, che si è sviluppato in tre sessioni di due settimane ciascuna da metà settembre, è stato anche mettere a punto procedure comuni tra le varie forze di polizia, una delle attività fondamentali per la costruzione della gendarmeria europea che proprio alla caserma Chinotto ha il suo quartier generale, l’Eurogendfor.

Per un mese e mezzo è stato un continuo viavai di uomini e mezzi, elicottero dei carabinieri compreso, e la fantasia della popolazione tanto di Longare quanto di Roncà si è scatenata.

Le voci più diverse si sono sentite di bocca in bocca: ripristino delle basi per l’esecuzione di test su nuove armi, minacce del terrorismo internazionale, riattivazione delle basi, caccia a pericolosi criminali.

Il motivo per cui solo alla fine del training è possibile raccontare cosa sia accaduto sta proprio nella modalità di svolgimento del training che, in sostanza, per le due settimane di ciascuna sessione ha costretto i militari partecipanti a vivere in una realtà parallela.

Anticipare la formula del training, in sostanza, avrebbe potuto avvantaggiare qualcuno: impensabile per i responsabili dell’Eupf 2009 (la prima edizione si tenne l’anno passato in Francia) che usano il training anche per compilare le pagelle dei corpi di polizia europea.

C’è un anno e mezzo di lavoro dietro quella sorta di enorme produzione cinematografica che è stato il training delle polizie europee: per tre sessioni sono stati ricreati scenari, location, situazioni sui quali i partecipanti sono stati chiamati a misurarsi.

La storyboard, che ricorda quel che realmente accadde nei Balcani, l’hanno composta in 15 persone sotto la regia del tenente colonnello Leonardo Albanesi, (settimo Reggimento carabinieri di Laives, in provincia di Bolzano), lunedì in partenza per l’Afghanistan.

Quindici persone, come dire altrettante specializzazioni fatte scendere in campo per scrivere una storia che offrisse banchi di prova per ognuna di esse.

La “storia” è diventata un set dinamico in cui le cose succedono davvero: e allora è capitato anche che le forze di polizia abbiano allestito posti di blocco in qualche aeroporto (vero) per cercare criminali (fasulli).

Fonte: L’Arena, 6 novembre 2009

Galleria fotografica

----
Indicativa la scelta di uno scenario di guerra civile come training per la polizia del superstato europeo.
La quale dovrà riportare la stabilità.
Già.
Questo per rispondere a chi si chiede (come avvenuto recentemente nei commenti a questo post) perché mai dovremmo preoccuparci della nascita di una polizia europea, anzi, di un corpo multinazionale di pace per usare la neolingua.
Lo scopo è quello: riportare la stabilità. Che si traduce con: preservare il sistema di potere armi in pugno; e i nemici in questo scenario non sono terroristi stranieri, ma le popolazioni europee dopo un conflitto civile (scoppiato per quale causa? questo non lo dicono: forse lo danno per scontato..)
Già. Già.

3 commenti:

El ha detto...

Il mese scorso a Parigi i legionari facevano esercitazione di rastrellamento nei giardini delle
Tuileries.
In mezzo alla gente.
Pare sia prassi
E poliziotti in borghese (mi auguro) la sera nei quartieri semicentrali brandeggiano armi automatiche corte a bordo di auto civetta.
Tutto bene madama marchesa....

Gaia ha detto...

Per la serie
"Sono le 12 e tutto va bene!"...

"Niente da vedere, gente, circolare, tutto normale"
"Le autorità ci vogliono bene e sono qui per proteggerci!"
E la perla sublime:
"Chi è onesto non ha nulla da temere"

Già.

Gaia ha detto...

News inquietanti in proposito:
L’EUROCRAZIA SI PRENDE L’ARMA. PER OPERAZIONI SPECIALI