Benvenuti in NWO Blog.

Questo blog vuole offrire informazioni sul tema del Nuovo Ordine Mondiale (o NWO: "New World Order").
I mass-media non parlano di questo genere di storie e notizie, ma sono tutte documentate e verificabili.
Il Nuovo Ordine Mondiale sta per arrivare, non permettiamogli di farlo.
Questo blog aderisce alla campagna di sensibilizzazione sul tema delle scie chimiche.

22 novembre 2008

Caro vecchio George..

No, non parlo del vecchio Bush, ma di un nostro George, che da decenni siede nelle stanze dei bottoni della colonia Italia e ha (e ha visto) parecchi scheletri nell'armadio del potere nazionale e mondiale.

Mi segnalano un interessante scorcio di quel che è la nostra povera informazione nazionale, assieme a una chicca che riguarda una nostra vecchia conoscenza. Ve le rigiro volentieri.

"Per noi italiani ... questo è un grande giorno: traiamo dalla sua vittoria e dallo spirito di unità che l'accompagna nuovi motivi di speranza e di fiducia per la causa della libertà, della pace, di un più sicuro e giusto ordine mondiale", ha detto il capo dello Stato Giorgio Napolitano in un messaggio al neopresidente degli Stati Uniti.

Per la verità dice: un "nuovo, più sicuro e giusto ordine mondiale", ma nessuna testata lo ha riportato letteralmente, quasi tutti hanno troncato il discorso dopo la parola "pace".

Sempre lui.. il "buon" vecchio George.

-----

Nel frattempo sto scrivendo una sorta di articolo-dossier sull'attuale crisi finanziaria e NWO, ma ho raramente occasione di connettermi per cui non so quando riuscirò a metterlo on-line. Probabilmente quando verrà il gran giorno della pubblicazione, la crisi sarà passata da un pezzo e il nuovo ordine mondiale si sarà già instaurato.. partendo da quel nuovo ordine finanziario ed economico che tutti i capi di stato, all'unisono come brave marionette (Brown in testa a tutti), stanno invocando e propugnando a gran voce.
Stay tuned. 
Ne vedremo delle belle.

2 commenti:

fandargo ha detto...

vedo che di gente non ne passa troppa, o almeno, non commenta..
seppur una goccia nel mare, voglio portarti il mio sostegno in questa nostra battaglia..
quando parlo di NWO con i miei conoscenti, le persone più anziane hanno un sobbalzo, quelli di media età rispondo che ormai non si stupiscono più di nulla, e i giovani (miei coetanei 20enni) se ne strafregano e non mi considerano..io so che il tempo mi darà (ahimè) ragione.

ieri sera, 28-01-2009, la giornalista del tg3 ha così commentato una notizia "E mentre al g8 si decidono le sorti del Nuovo Ordine Mondiale.."
Sono rimasto allibito..se inizia a passare anche ai tg, non mi pare un buon segno.
Buon lavoro e non demordere nella tua campagna di informazione!

Gaia ha detto...

Ciao Fandargo,
sui commenti hai ragione, non è un blog molto commentato (anche se alcuni post hanno avuto parecchi commenti, la media è piuttosto bassa). Le visite invece sono piuttosto elevate (puoi intuirlo dalla mappa di ClustrMaps in fondo alla colonna destra); ho inoltre un contatore che mi dà possibilità di sapere per es. da dove arrivano i miei visitatori, quanto tempo stanno sul blog e quali pagine guardano. Devo dire che sotto questo punto di vista sono abbastanza soddisfatta. Comunque la mia soddisfazione più grande è sapere (e qualcuno me lo scrive via e-mail) che questo blog risulta interessante per qualcuno.

La tua esperienza è purtroppo molto comune. Credo ci siamo passati un po' tutti, almeno tutti quelli che, venendo a conoscenza di certe cose, si sentono spinti a divulgarle il più possibile. Molte orecchie sono sorde, perché il cervello ha frapposto un tappo tra se stesso e le verità esterne che potrebbero destabilizzarlo. Destabilizzare cioè il mondo che si è costruito (o che il sistema ha fatto sì che si costruisse): e si sa, quando devi distruggere qualcosa che tu stesso hai costruito è molto difficile, è doloroso. E a noi umani non piace soffrire. Però se questa sofferenza porta a una vera libertà, allora ben venga il dolore. Perché quel dolore è passeggero, come le colonne portanti del mondo finto che ci eravamo costruiti: colonne di polistirolo, effimere, deboli. Dalla conoscenza e dalla presa di coscienza vengono invece costruite colonne solide, che non cederanno nemmeno a un terremoto.

Sull'esternare in pubblico parole come NWO e simili, ormai ci stiamo abituando: è la solita strategia della "normalizzazione". Quello che fino a poco fa veniva pronunciato da pochi "paranoici" sul web, ora viene detto con noncuranza dai mass-media, proprio perché sembri la cosa più naturale del mondo.

Ieri sera ho visto "La gang del bosco": quando il film uscì, vidi sul web alcuni screen-shot che mostravano scie chimiche disegnate nel cielo. Ieri l'ho visto e sono rimasta inorridita: quel film è letteralmente pieni zeppo di scie, non c'è inquadratura dove non compaiano scie nel cielo.
Questo si chiama normalizzazione, e ancor peggio, perché è un cartone animato e si rivolge ai bambini: i loro occhi non hanno visto i cieli che abbiamo visto noi da piccoli. Cieli sgombri da scie e schermi opachi oleosi che offuscano il sole. Per loro, questi cieli schifosi saranno la normalità.
E così sia, amen.
Ci stanno riuscendo.
Qua bisogna svegliarsi. E alla svelta.